Online? Offline? Entrambi? Come?

I Forum di Esperya Forum Esperya Online? Offline? Entrambi? Come?

Questo argomento contiene 7 risposte, ha 5 partecipanti, ed è stato aggiornato da  Azavone 1 mese fa.

  • Autore
    Articoli
  • #13111

    Antonio Tombolini
    Amministratore del forum

    Rispetto a venti anni fa è cambiato tutto, o quasi, nel mondo e in rete. Quindi?

    • Questo argomento è stato modificato 2 mesi, 4 settimane fa da  Antonio Tombolini.
  • #13126

    andreabez
    Partecipante

    più offline che online, sia conoscenza/presentazione che vendita
    più carta che bit
    zero vetrina di prodotti “a disposizione” online ma una porta di accesso ad un mondo nuovo 🙂

  • #13129

    Antonio Tombolini
    Amministratore del forum

    …ma una porta di accesso ad un mondo nuovo ?

    OK, però questa ce la devi spiegare meglio!

  • #13133

    andreabez
    Partecipante

    per rispondere alla domanda del thread, entrambi. Ma più offline. Incontri, degustazioni e vendite dal vivo. L’online non deve più essere una vetrina “statica” ma uno o più punti di accesso a relazioni che avvengono in RL. Chiarissimo no? 😉
    Per i dettagli, scatta la cena 😀

  • #13134

    MikeTommasi
    Partecipante

    L’online serve a fare cose offline 😉 Senza l’online, quando vai offline cheffai?

  • #13137

    andreabez
    Partecipante

    non so secondo me è così semplice! 😉
    allora quando vai offline assaggi, mangi, parli e… compri!
    Non è SENZA, è NON SOLO, è ATTRAVERSO.

  • #13139

    Nane Cantatore
    Partecipante

    L’online è offline e viceversa. Il mondo reale ha smesso di essere offline da quando usiamo Google maps per muoverci, leggiamo le recensioni online per decidere dove andare a cena e pubblichiamo le nostre vite sui social.
    Anche su questo punto, mi pare che l’attuale modello di e-commerce, strutturato su negozi online che sono sostanzialmente degli scaffali e basta, sia rimasto un po’ indietro. Dovremmo ragionare in una prospettiva di integrazione/sovrapposizione continua.

  • #13144

    Azavone
    Partecipante

    Yes, entrambi, non c’è più dicotomia, come già espresso da altri in precedenza.

    Online per catturare lo ZMOT, ovvero l’esatto istante in cui l’utente online di turno, da semplice lead interessato, si trasforma in cliente: un click che converte ordini per 8 in media con il passaparola.

    (ZMOT: zero moment of truth ovvero beccare il giusto utente/cliente nel giusto luogo offline con il giusto device nel giusto orario a lui più consono).

    L’utente (brutta parola lo so) online leggerà, valuterà, confronterà, farà di calcolo… momento razionale compassato/rilassato d’acquisto.

    Lo stesso di cui sopra, offline invece, avrà altri 3 sensi a disposizione – generalmente usati prima dell’acquisto offline – il tatto, l’olfatto e il Re dei Re, il gusto!

    La vendita priva di questa sinergia basica (ci sono mille espansioni possibili sia in 3D ovvero reali che offline) nell’oggi di oggi non è più foriera di emotività golosa: oggi comperare, cibo te similia in primis, significa viaggiare anche da fermi!

    Per Aspera ad Astra,
    az

You must be logged in to reply to this topic. Login Register